A voi, gentile Amore

Luigi Di Benedetto

XIII secolo Indice:Poemetti allegorico-didattici del secolo XIII, 1941 – BEIC 1894103.djvu A voi, gentile Amore Intestazione 14 novembre 2021 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Poemetti allegorico-didattici del secolo XIII


[p. 99 modifica]

VI

     A voi, gentile Amore,
talent’ho di mostrare
lo dolce disiare
dov’è lo mi’cor miso;
5ché tacendo tutt’ore,
poriami consumare,
potendoti poi blasmare
solo me, ciò m’è aviso,
ché sono assiso — col volere ed amo
10voi, dolce Amore, e merzede ven clamo
di ciò che s’a voi sembla sia fallire,
per cortesia mi ’l deggiate soffrire.

     Pertanto mi dovete
nel mi’ dir sostenere,
15ché’l forzato volere,
Amore, ha segnoria
in me, cui voi tenete
ne lo vostro podere,

[p. 100 modifica]

bench’io unque assapere
20nol vi facesse dia;
ché tutta via — so’ stato sofferente,
mirando l’atto e lo bellor sovente
di voi, ma non in guisa ch’omo nato
potesse mai sapere di mio istato.

     25Ma s’or col core umile,
Amor, prendo ardimento
di dirvi mio talento,
non vi deve esser grave,
ché quei ch’è segnorile
30e dona compimento
di tutto piacimento
in ciò forzato m’have,
mostrandomi soave — ch’i’ vi dica
come tuttora il mi’ cor si notrica
35nel vostro dolce amor, lo qual disio
sí ch’onn’altro pensar per quell’ublio.

     E poiché Amor vole
di me che cosí sia,
comincio, vita mia,
40di ciò a divisare;
ché le dolci parole
piene di cortesia
e l’umil gentilia
che ’n voi tuttora pare
45e ’l riguardare — de l’allegra bieltate,
co l’amorosa vista che voi fate,
allor ch’i’ vi rimiro, lo meo core
ten, com’ho detto, in cotanto dolzore.

     Poi tanta gioia prendo,
50Amore, in voi vedere,
com’io vi fo parere,

[p. 101 modifica]

merzede umil vi chero,
che lo piú ch’io attendo
per questo profferere
55mi deggia in voi valere,
cosí com’io vi spero:
ché pur di vero — mi sembra che n’avrete
bona pietá, veggendo che facete
invêr di me piacente ed amorosa
60la vista donde ’l meo cor si riposa.