A una straniera

Giovanni Prati

Olindo Malagodi 1876 Indice:Prati, Giovanni – Poesie varie, Vol. II, 1916 – BEIC 1901920.djvu sonetti A una straniera Intestazione 23 luglio 2020 25% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Gli schiavi Qualunque rosa ancora
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta XIII. Da 'Psiche'
[p. 209 modifica]

LXVIII

A UNA STRANIERA

Quando tu sogni e nel silenzio è spento
il pispiglio d’ogni aura e d’ogni fronda,
vedi tu mai nel ciel che ti circonda
un vermiglio di spade ondeggiamento?
odi tu mai sotterra, odi nel vento,
di galoppi un vasta eco profonda?
Sono i fieri tuoi padri, erula bionda,
che sopra Roma fulminati io sento.
Non ti turbar. Tu rivedrai domani
Tare sovverse, e in cima al Palatino
picchierai forse le superbe mani.
Non attender però ch’io ti rampogni,
bella inimica. In ciel tesse il destino
i natali e la morte a’ piú gran sogni.