Vidila in sogno più gentil che pria

Vincenzo da Filicaja

Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Vidila in sogno più gentil che pria Intestazione 14 dicembre 2019 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Vincenzo da Filicaja


[p. 179 modifica]

XVII


Vidila in sogno più gentil che pria,
     E in un atto amoroso, e in un sembiante
     Sì leggiadro e sì dolce a me davante,
     Che un cuor di selce intenerito avrìa.
5Volgi, mi disse, il guardo a questa mia
     Non più vita mortal, qual’era innante:

[p. 180 modifica]

     E se ’l Ciel non m’invidi, ahl perchè a tante
     Stille amare per gli occhi apri la via?
Non t’è moto, ch’io vivo? E non t’è noto,
     10Che a far la vita mia di vita priva,
     Scocca la Morte, e scocca il Tempo a vuoto?
Ma se pianger vuoi pur, col pianto avviva
     L’egro tuo spirto, che di spirto è vuoto;
     Che ben morto sei tu, quant’io son viva.