Apri il menu principale

Un dì lo Spirto, a cui forse dovea

Giovanni Battista Recanati

U Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Un dì lo Spirto, a cui forse dovea Intestazione 11 maggio 2019 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Gio. Battista Recanati


[p. 346 modifica]

III1


Un dì lo Spirto, a cui forse dovea
     De’ sommi giri appartener la cura,
     Invidiosa al suo Fattor Natura
     Ruba, e ristringe entro mortale idea;
5E per non apparir del furto rea,
     Anzi trar lode dall’altrui fattura,
     In te, Donna, celò l’anima
     E la gran luce anco celar credea.
Ma come, benchè in dense nubi avvolto,

[p. 347 modifica]

     10Pur del Sole a noi traspira il raggio,
     Che tenta in van calarsi invido il Cielo:
Così ristretto nel corporeo velo,
     Ad onta ancor del tuo mortal servaggio,
     Quello Spirto divin in volto.


Note

  1. Alla Signora Elena Riccoboni Ferrarese.