Un'ombra io vidi in sue sembiante vero

Antonio Zampieri

Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Un’ombra io vidi in sue sembiante vero Intestazione 27 dicembre 2019 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Antonio Zampieri


[p. 419 modifica]

VII


Un’ombra io vidi in sue sembiante vero,
     Orrida sì, ch’immagin d’uom non serba,
     Sù carro assisa, in portamento altero,
     Muoversi inesorabile, e superba.
5Qual sorge nembo in nuvol denso, e nero,
     Che delle viti ampia fa strage acerba;
     Non altrimenti ella rotava il fiero
     Adunco ferro, e fea fascio d’ogn’erba.
Quì curvi aratri, e colà scettri infranti
     10In un misti, e confusi; una egual sorte
     Correan rustiche lane, e regi ammanti.
Al sol vederla intimorite, e smorte
     Le Genti tutte con singulti, e pianti
     Da lei fuggian, gridando: ahi Morte, hai Morte!