Pagina:Zappi, Maratti - Rime I.pdf/467


419

VII


Un’ombra io vidi in sue sembiante vero,
     Orrida sì, ch’immagin d’uom non serba,
     Sù carro assisa, in portamento altero,
     Muoversi inesorabile, e superba.
5Qual sorge nembo in nuvol denso, e nero,
     Che delle viti ampia fa strage acerba;
     Non altrimenti ella rotava il fiero
     Adunco ferro, e fea fascio d’ogn’erba.
Quì curvi aratri, e colà scettri infranti
     10In un misti, e confusi; una egual sorte
     Correan rustiche lane, e regi ammanti.
Al sol vederla intimorite, e smorte
     Le Genti tutte con singulti, e pianti
     Da lei fuggian, gridando: ahi Morte, hai Morte!


IX


Ahimè, ch’io sento la terribil tromba,
     Che i Morti chiama al gran Giudizio eterno,
     E sì dentro il mio cuore alto rimbomba,
     Che il Suol ne trema, e si spalanca Averno.
5Sorgo coll’ossa mie fuor della tomba,
     Ove m’aspetta il Giudice superno,
     Lasso! nè so, s’io sia Corvo, o Colomba,
     Che quindi aperto ho il Ciel, quindi l’Inferno.
Così mentre sospeso, e di spavento
     10Pieno, nella gran Valle io fò dimora,
     Alla final giusta sentenza intento,
Lasciami il sogno in sulla nuov’aurora,
     Nè più veggio il Giudizio, e pur mi sento
     Quell’aspra tromba nell’orecchie ancora.


X


Morta Colei, ch’il mio destin mi diede
     Per mia Tiranna a farmi ognor dolente,
     Ogni cui sguardo era uno strale ardente,
     Onde facea de’ cuor barbare prede,
5Men gìa qual’Uom, che agli occhi altrui non crede,
     A rimirar l’alme bellezze spente;