Tremano i spiriti mei di paora

Niccolò de' Rossi

Aldo Francesco Massera XIV secolo Indice:AA. VV. – Sonetti burleschi e realistici dei primi due secoli, Vol. I, 1920 – BEIC 1928288.djvu sonetti Tremano i spiriti mei di paora Intestazione 23 luglio 2020 25% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Se' tu Dante, oi anima beata Credetti, Amor, che si mostrasse acerba
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta XX. Messer Niccolò Rosso
[p. 208 modifica]

XXIII

Il poeta si smarrisce per tanto eccesso di soavitá.

Tremano i spiriti mei di paora,
sentendo che suso lo cor mi scende
la nova donna, che tutti gli azzende
4si forte, che zascun de lei innamora.
Poi l’uno a l’altro dize: —Sa’tu ancora
chi sia custei, che quine tanto splende?
Ella pur ne saetta, e non entende
8gli nostri preghi, ma vói ch’ognun mòra. —
Cusi clamonno Amor, che vedea sego,
che fusse interprete digli affannati;
11et él respose: — Vui fate mal prego:
ché sol per sua beltá quasi cascáti;
pensáti ormai se bene la entendesti:
14ché di dolzezza ve s memori aresti. —