Rime (Guittone d'Arezzo)/Caro amico, guarda la figura

Caro amico, guarda la figura

../Che bon Dio sommo sia creatore ../Poi ch'hai veduto Amor cum si ritrae IncludiIntestazione 12 settembre 2008 75% poesie

Guittone d'Arezzo - Rime (XIII secolo)
Caro amico, guarda la figura
Che bon Dio sommo sia creatore Poi ch'hai veduto Amor cum si ritrae
[p. 268 modifica]

TRATTATO D’AMORE.

240

Questa è la disposizione de la figura de l’Amore e de tutte le soe proprietá come porai entendere e per la figura vedere. Ovra di Fra Guittone d’Arezzo.

   Caro amico, guarda la figura
’n esta pintura — del carnale amore,
sí che conosci ben la enavratura
4mortale e dura — ch’al tu fatt’ha core,
   e lo venen che porge cum dolzura
carnal d’arsura — ad ogn’amadore;
a ciò che, conosciuta soa natura,
8ti sia ben cura — fuggir tuo furore:
   ch’Amor, cum vei, si pinge figurato,
e innavrato — ciascuno amante
11per van simblante — enfin al morire.
   E quasi el desire — d’esser curato
d’uom sí piagato — dico esser carante,
14remedio dottante — il su’ largire.

Qui de’ essere la figura de l’amore pinta si ch’el sia garzone nudo, cieco, cum due ale su le spalle e cum un turcascio a la centura, entrambi di color di porpora, cum un arco en man, ch’el abia ferito d’una saitta un giovene enamorato cum una ghirlanda in testa. Cum l’altra man porga un’asta cum fuogo di cappo; e per gli artigli si abbia le granfe de astore. [p. 269 modifica]

Cominciase la singulare disposizione de l’Amore.


   Quando donque guarire
de sí gran malattia
sí ligier om porria,
ben seria disorrato
5qual più fosse pregiato
nol voler consentire;
però prendi ’l desire,
en cui regna barnagio,
de non soffrir tal onta,
10ché pur di pregio smonta,
lo nemico obedire.