Traduzioni e riduzioni/Dall'Iliade/Il cuore d'Achille

../La preghiera del vecchio

../Sempre Achille! IncludiIntestazione 26 giugno 2020 75% Da definire

Dall'Iliade - La preghiera del vecchio Dall'Iliade - Sempre Achille!
[p. 43 modifica]


il cuore d’achille

     Disse, e svegliò nel Pelide l’amore di piangere il padre;
e per la mano lo prese, e scostò da sè un poco il vegliardo.
E tutti e due ricordando, l’uno Ettore morte-d’eroi,
tristo piangeva accosciato davanti eie’ piedi d’Achille;
ecco ed Achille piangeva il suo padre, altre volte piangeva
Patroclo; e grande lamento mandava per tutta la casa.
Ma come dunque fu sazio di pianti il divino Pelide,
subito sorse dal seggio ed alzò con la mano il vegliardo,
commiserando quel capo si grigio, quel mento sì grigio:
mise la voce e parlò le parole dall’ali d’uccelli:
“Misero! Oh! sì che di pene n’hai molte in tuo cuore sofferte!
Come hai osato venirtene, solo, al navil degli Achei,
qui nella vista dell’uomo, che molti tuoi nobili figli
nelle battaglie spogliai? E di ferro, per certo, il tuo cuore.
Ma, finalmente, suvvia, nella sedia t’assetta: l’affanno
abbonacciarsi lasciamo ne! cuore, per quanto dolenti:
chè non un utile viene dal pianto che il brivido desta.

[p. 44 modifica]

Filano tale destino gli dei pe’ mortali infelici:
vivere in mezzo al dolore: sol essi non hanno pensieri.
Stanno, nel fatto, due dogli lassù, nelle soglia di Giove,
pieni dei doni che fa: l’un di mali ed un altro di beni.
Cui mescolati ne dia l’alto Giove che il fulmine vibra,
ecco che un male gli accade, ma ecco che un bene gli tocca.
Cui solamente dei tristi ne dia, lo fa segno agli oltraggi;
lui per la lucida terra sospinge una fame da buoi,
mala, e s’aggira, davanti nè dei nè mortali in onore.
Come è di Pèleo: gli dei gli concessero splendidi doni
sin dalia nascita, chè sopra gli uomini tutti fioriva
d’oro e di beni: era re dei Mirmidoni, ed, uomo mortale,
un’immortale sortì, una dea, per compagna di letto.
Bene; ma il dio volle aggiungervi un male: e così nella casa
non discendenza gli nacque di figli che regnino ancora.
Nacquegli un solo figliuolo, di fine immatura; nè io,
ora che invecchia, lo assisto, poichè dalla patria ben lungi,
tristo sott’Ilio qui sono e qui te coi tuoi figli contristo.
Vecchio, anche te: noi sappiamo che un tempo eri molto possente:
quanto in sè Lesbo, la sede di Màcare, a monte contiene,
quanto la Frigia, di sopra, ed il mare di Helle infinito,
vecchio, si dice che ricco tu eri di tanto; e di figli.
Ma dopochè questo male t’addussero i figli del cielo,
sempre tu hai torno torno città, le battaglie e le stragi.
Frenati, nè pertinace sia tanto in tuo cuore il lamento:
chè nessun utile avrai dal rimpiangere il figlio tuo prode,
nè lo farai rialzare, ma un nuovo malanno n’avrai„.