Sperando lungamente in acrescenza

Bonagiunta Orbicciani

Guido Zaccagnini/Amos Parducci XIII secolo Indice:Rimatori siculo-toscani del Dugento.djvu Duecento Sperando lungamente in acrescenza Intestazione 16 luglio 2020 25% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rimatori siculo-toscani del Dugento
[p. 59 modifica]

VII

Dopo aver parlato della lotta, che combatte per la sua donna
disserta sul ben fare e sulla follia.

Sperando lungamente in acrescenza
trar contendenza — d’alto signoragio,
che mi dà tal coragio
ch’ogn’altr’om i’ ne credo sovrastare,
5di ben servir mi dona caunoscenza,
che da ubidenza — nat’è per lignagio.
E non è alcun paragio,
che a l’ubidir si possa asimigliare,
però che fa Tom fin preso aquistare
10e ’navanzare, e nascende onoranza
e ricca nominanza.
Servire e ubidenza
vegnon da cognoscenza;

[p. 60 modifica]

di caunoscenza non è dubitato
15che nasce per fin senno ed è provato.
Da senno ven largheza, e cortesia
oblia — torto, orgoglio e scaunoscenza
e tutt’altra fallenza,
ciie per rasion potesse dispiacere.
20E chi ben fa non usa villania,
né follia — comporta sofferenza;
ed è matta credenza
che l’un coli ’altro possa sofferére,
però che son diversi di valere;
25che l’un vai pregio, unde s’aquista amore,
e l’altro disamore.
Però lian diversitate
e contrarietate;
che l’un contrar’per l’altro si disvia,
30come per morte vita tuttavia.