Apri il menu principale

Sotto mi cadde quel destrier feroce

Giambattista Felice Zappi

S Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Intestazione 10 novembre 2016 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rime dell'avvocato Gio. Batt. Felice Zappi e di Faustina Maratti sua consorte

[p. 16 modifica]

XXXIV.


Sotto mi cadde quel destrier feroce
     Che per dirupi, ahi, mi guidò nel corso:
     Misero! e a me non giova, e a lui non nuoce
     Scuoter la destra, or ch’egli ha infranto il morso,
5Ei giace, e morde il suolo: io nell’atroce
     Periglio piango, talchè a Tigre, ad Orso
     Farei pietade, e spingo alto una voce,
     Che il Ciel percuote e vorrei pur soccorso.
Ma se t’invoco, or che giacendo io manco,
     10Non mi soccorrer nò, chiudi la porta
     Gran Dio del Ciel a’ miei sospir pur anco.
Chè se risorgo, io non ho fren, nè scorta:
     E senza freno, e cogli sproni al fianco,
     Signor, chi sa dove il destrier mi porta?