Smunta le guance, e rabbuffata il ciglio

Antonio Zampieri

Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Smunta le guance, e rabbuffata il ciglio Intestazione 26 dicembre 2019 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Antonio Zampieri


[p. 417 modifica]

III


Smunta le guance, e rabuffata il ciglio
     Donna in ceffo m’apparve orrido, e bruto,
     Che strazia un cuor di pietà priva in tutto,
     E chiama all’opra ogni crudel consiglio.
5Duri morsi v’imprime, e fa vermiglio
     Nel caldo sangue il freddo labbro asciutto:
     Poi qual Tigre lo sbrana, ed in lui tutto
     Immerge il crudo avvelenato artiglio.
Nè sazia ancor, con dispietato esempio
     10Sparge le piaghe, che poc’anzi aprio,
     Di quel, che ha in seno amaro tosco ed empio
Indi a me volto il torvo sguardo, e rio:
     Vedi qual, dice, io quì d’un cuor fo scempio?
     Fuggi da me, che Gelosia son’io.