Rime (Stampa)/Rime d'amore/XXX

Rime d'amore

XXX

../XXIX ../XXXI IncludiIntestazione 22 settembre 2009 75% Poesie

Rime d'amore - XXIX Rime d'amore - XXXI

[p. 20 modifica]

XXX

Egli canta con dolcissima armonia.

     Fra quell’illustre e nobil compagnia
di grazie, che vi fan, conte, immortale,
s’erge più d’altra e vaga stende l’ale
del canto la dolcissima armonia.
     Quella in noi ogni acerba cura e ria
può render dolce, e far lieve ogni male;
quella, quand’Euro più fiero l’assale,
può render queto il mar turbato pria.
     Il giuoco, il riso, Venere e gli Amori
si veggon l’aere far sereno intorno,
ovunque suoni il dolce accento fuori.
     Ed io, potendo far con voi soggiorno,
a l’armonia di quei celesti cori
poco mi curerei di far ritorno.