Rime (Stampa)/Rime d'amore/XXVII

Rime d'amore

XXVII

../XXVI ../XXVIII IncludiIntestazione 22 settembre 2009 75% Poesie

Rime d'amore - XXVI Rime d'amore - XXVIII

[p. 18 modifica]

XXVII

Amore tormentoso e pur dolce.

     Altri mai foco, stral, prigione o nodo
sí vivo e acuto, e sí aspra e sí stretto
non arse, impiagò, tenne e strinse il petto,
quanto ’l mi’ ardente, acuto, acerba e sodo.
     Né qual io moro e nasco, e peno e godo,
mor’ altra e nasce, e pena ed ha diletto,
per fermo e vario e bello e crudo aspetto,
che ’n voci e ’n carte spesso accuso e lodo.
     Né furo ad altrui mai le gioie care,
quanto è a me, quando mi doglio e sfaccio,
mirando a le mie luci or fosche or chiare.
     Mi dorrà sol, se mi trarrà d’impaccio,
fin che potrò e viver ed amare,
lo strai e ’l foco e la prigione e ’l laccio.