Pagina:Stampa, Gaspara – Rime, 1913 – BEIC 1929252.djvu/24

18 gaspara stampa


XXVI

Amare, piangere, cantare: è questo il suo destino.

     Arsi, piansi, cantai; piango, ardo e canto;
piangerò, arderò, canterò sempre
(fin che Morte o Fortuna o tempo stempre
a l’ingegno, occhi e cor, stil, foco e pianto)
     la bellezza, il valor e ’l senno a canto,
che ’n vaghe, sagge ed onorate tempre
Amor, natura e studio par che tempre
nel volto, petto e cor del lume santo;
     che, quando viene, e quando parte il sole,
la notte e ’l giorno ognor, la state e ’l verno,
tenebre e luce darmi e tórmi suole,
     tanto con l’occhio fuor, con l’occhio interno,
agli atti suoi, ai modi, a le parole,
splendor, dolcezza e grazia ivi discerno.


XXVII

Amore tormentoso e pur dolce.

     Altri mai foco, stral, prigione o nodo
sí vivo e acuto, e sí aspra e sí stretto
non arse, impiagò, tenne e strinse il petto,
quanto ’l mi’ ardente, acuto, acerba e sodo.
     Né qual io moro e nasco, e peno e godo,
mor’ altra e nasce, e pena ed ha diletto,
per fermo e vario e bello e crudo aspetto,
che ’n voci e ’n carte spesso accuso e lodo.
     Né furo ad altrui mai le gioie care,
quanto è a me, quando mi doglio e sfaccio,
mirando a le mie luci or fosche or chiare.
     Mi dorrà sol, se mi trarrà d’impaccio,
fin che potrò e viver ed amare,
lo strai e ’l foco e la prigione e ’l laccio.