Rime (Stampa)/Rime d'amore/XVI

Rime d'amore

XVI

../XV ../XVII IncludiIntestazione 22 settembre 2009 75% Poesie

Rime d'amore - XV Rime d'amore - XVII

[p. 13 modifica]

XVI

Vorrebbe aver arte adeguata ai meriti di lui.

     Sí come provo ognor novi diletti,
ne l’amor mio, e gioie non usate,
e veggio in quell’angelica beltate
sempre novi miracoli ed effetti,
     cosí vorrei aver concetti e detti
e parole a tant’opra appropriate,
sí che fosser da me scritte e cantate,
e fatte cónte a mille alti intelletti.
     Et udissero l’altre che verranno
con quanta invidia lor sia gita altera
de l’amoroso mio felice danno;
     e vedesse anche la mia gloria vera
quanta i begli occhi suoi luce e forza hanno
di far beata altrui, benché si péra.