Rime (Stampa)/Rime d'amore/LXX

Rime d'amore

LXX

../LXIX ../LXXI IncludiIntestazione 22 settembre 2009 75% Poesie

Rime d'amore - LXIX Rime d'amore - LXXI

[p. 41 modifica]

LXX

Fu a lei fatale il momento ch’egli parti.

     O ora, o stella dispietata e cruda,
ch’io vidi dipartir la gloria mia,
lasciando di beata ch’era pria
la vita mia d’ogni suo bene ignuda!
     Da indi in qua per me si trema e suda,
si piagne, si dispera e si disia:
e sarà meraviglia, se non fia
che morte tosto queste luci chiuda.
     Che, del lor fatal sol restate senza,
altra luce giamai mirar non ponno,
che lor non sembri notte e dipartenza.
     Dunque o lor tosto, Amor, rendi il lor donno,
o, per non soffrir piú si dura assenza,
tosto le chiudi in sempiterno sonno.