Rime (Stampa)/Rime d'amore/LXIX

Rime d'amore

LXIX

../LXVIII ../LXX IncludiIntestazione 22 settembre 2009 75% Poesie

Rime d'amore - LXVIII Rime d'amore - LXX

[p. 41 modifica]

LXIX

Mentr’egli acquista gloria in Francia, ella si strugge di dolore.

   Mentre, signor, a l’alte cose intento,
v’ornate in Francia l’onorata chioma,
come fecer i figli alti di Roma,
figli sol di valor e d’ardimento,
   io qui sovr’Adria piango e mi lamento,
sí da’ martir, sí da’ travagli doma,
gravata si da l’amorosa soma,
che mi veggo morir, e lo consento.
   E duoimi sol che, sí come s’intende
qui ’l suon da noi de’ vostri onor, ch’omai
per tutta Italia sí chiaro si stende,
   non s’oda in Francia il suono de’ miei lai,
che cosí spesso il ciel pietoso rende,
e voi pietoso non ha fatto mai.