Rime (Stampa)/Rime d'amore/CXLVIII

Rime d'amore

CXLVIII

../CXLVII ../CXLIX IncludiIntestazione 22 settembre 2009 75% Poesie

Rime d'amore - CXLVII Rime d'amore - CXLIX

[p. 82 modifica]

CXLVIII

Il suo destino è servire al suo signore.

     Se ’l cielo ha qui di noi perpetua cura,
e partisce ad ognun, come conviene,
che maraviglia è, s’a me dié pene,
e mi dié vita dispietata e dura?
     e se ’l mio sol di me poco si cura?
se mi vede morir e lo sostiene?
Ei vince il sol con sue luci serene,
illustre e bel per studio e per natura.
     A lui convien regnare, a me servire,
vil donna e bassa; e parmi ancora troppo
ch’egli non sdegni il mio per lui patire.
     Queste ragioni ed altre insieme aggroppo
meco talor, per dar tregua al martire
col desir sempre presto e ’l poter zoppo.