Rime (Stampa)/Rime d'amore/CLXXXVI

Rime d'amore

CLXXXVI

../CLXXXV ../CLXXXVII IncludiIntestazione 22 settembre 2009 75% Poesie

Rime d'amore - CLXXXV Rime d'amore - CLXXXVII

[p. 101 modifica]

CLXXXVI

Che avverrà di lei, s’egli sarà d’un’altra?

     — Che fia di me — dico ad Amor talora, —
poi che del mio signor gli occhi sereni
lasseran questi miei di pianto pieni,
fatto esso d’altri infin a l’ultim’ora?
     — Che fia di me — mi rispond’egli allora, —
ch’arco e saette e faci e teme e speni
tengo in quegli occhi, e tutti altri miei beni,
né mai ritrarli io ho potuto ancora?
     D’indi soglio infiammar, d’indi ferire;
or, se come tu di’, ce li ritoglie,
caduta è la mia gloria e ’l nostro ardire. —
     In queste amare e dispietate voglie
restiam noi due, ed ei segue di gire
carco e superbo de le nostre spoglie.