Rime (Stampa)/Rime d'amore/CLXXXIX

Rime d'amore

CLXXXIX

../CLXXXVIII ../CXC IncludiIntestazione 22 settembre 2009 75% Poesie

Rime d'amore - CLXXXVIII Rime d'amore - CXC

[p. 103 modifica]

CLXXXIX

«Latet anguis in herba».

     Lassa, in questo fiorito e verde prato
de le delizie mie, fra sí fresca erba,
onde, la tua mercé, vo sí superba,
Amor, poi che’l mio sol m’hai ritornato,
     per quel ch’a certi segni m’è mostrato,
un empio e venenoso aspe si serba,
per far la vita mia di dolce acerba
e avelenarmi il mio felice stato.
     Il che se de’ seguir, prego che priva
mi faccia morte e di vita e di senso,
prima che questa téma giunga a riva;
     perch’a dover provar dolor sí immenso,
assai meglio è morir che restar viva,
se le provate mie doglie compenso.