Rime (Stampa)/Rime d'amore/CIV

Rime d'amore

CIV

../CIII ../CV IncludiIntestazione 22 settembre 2009 75% Poesie

Rime d'amore - CIII Rime d'amore - CV

[p. 59 modifica]

CIV

Notte d’amore.

     O notte, a me piú chiara e piú beata
che i piú beati giorni ed i piú chiari,
notte degna da’ primi e da’ piú rari
ingegni esser, non pur da me, lodata;
     tu de le gioie mie sola sei stata
fida ministra; tu tutti gli amari
de la mia vita hai fatto dolci e cari,
resomi in braccio lui che m’ha legata.
     Sol mi mancò che non divenni allora
la fortunata Alcmena, a cui sté tanto
piú de l’usato a ritornar l’aurora.
     Pur cosí bene io non potrò mai tanto
dir di te, notte candida, ch’ancora
da la materia non sia vinto il canto.