Rime (Stampa)/Rime d'amore/CCXXVIII

Rime d'amore

CCXXVIII

../CCXXVII ../CCXXIX IncludiIntestazione 22 settembre 2009 75% Poesie

Rime d'amore - CCXXVII Rime d'amore - CCXXIX

[p. 123 modifica]

CCXXVIII

«Pensa ch’io sarò morta».

     Il cor verrebbe teco,
nel tuo partir, signore,
s’egli fosse piú meco,
poi che con gli occhi tuoi mi prese Amore.
Dunque verranno teco i sospir miei,
che sol mi son restati
fidi compagni e grati,
e le voci e gli omei;
e, se vedi mancarti la lor scorta,
pensa ch’io sarò morta.