Rime (Stampa)/Rime d'amore/CCXI

Rime d'amore

CCXI

../CCX ../CCXII IncludiIntestazione 22 settembre 2009 75% Poesie

Rime d'amore - CCX Rime d'amore - CCXII

[p. 114 modifica]

CCXI

Amore non le dà tregua.

     Qual sagittario, che sia sempre avezzo
trarie ad un segno, e mai colpo non falla,
o da propria vaghezza tratto o dalla
spene c’ha da ritrarne onore e prezzo,
     Amor, che nel mio mal mai non è sezzo,
torna a ferirmi il cor, né mai si stalla,
e la piaga or risalda apre e rifalla;
né mi vai s’io ’l temo o s’io lo sprezzo.
     Tanto di me ferir diletto prende,
e tal n’attende e merca onor, ch’omai,
per quel ch’io provo, ad altro non intende.
     Il vivo foco, ond’io arsi e cantai
molti anni, a pena è spento, che raccende
d’un altro il cor, che tregua non ha mai.