Rime (Stampa)/Rime d'amore/CCIV

Rime d'amore

CCIV

../CCIII ../CCV IncludiIntestazione 22 settembre 2009 75% Poesie

Rime d'amore - CCIII Rime d'amore - CCV

[p. 110 modifica]

CCIV

Vuol amar solo le virtú del suo signore.

     Virtuti eccelse e doti illustri e chiare,
ch’alzate al cielo il mio real signore,
sol co’ passi di gloria e d’alto onore
già giunto in parte, ove non ha piú pare;
     voi, voi sol voglio volgermi ad amare,
temprando il mio focoso e cieco amore,
guidato sol da tenebre ed errore,
ove ambedue potrà forse annoiare.
     Or, racquistato alquanto del mio lume,
potrò specchiarmi in quel bel raggio ardente,
che da prima m’elessi per mio nume;
     e di cibo miglior pascer la mente,
dove io pasceva i sensi per costume
di cosa, che si fugge via repente.