Apri il menu principale

Questa che in bianco ammanto, e in bianco velo

Faustina Maratti

1833 Q Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Intestazione 5 novembre 2016 75% Canzoni

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rime dell'avvocato Gio. Batt. Felice Zappi e di Faustina Maratti sua consorte

[p. 40 modifica]

XXVI


Questa che in bianco ammanto, e in bianco velo
     Pinse il mio Genitor modesta e bella,
     È la casta Romana Verginella,
     Che il gran prodigio meritò dal Cielo.
5Vibrò contr’essa aspra calunnia un telo,
     Per trarla a morte inonorata: ond’ella
     L’acqua nel cribro a prova tolse, e quella
     Vi s’arrestò come conversa in gelo,
Di fuor traluce il bel candido cuore:
     10E dir sembra l’immago in questi accenti
     A chi la mira, e il parlar muto intende:
Gli Eroi latini a forza di valore
     Difenda pur, che a forza di portenti
     Le Vergini Romane il Ciel difende.