Apri il menu principale

Quella cetra gentil, che 'n sulla riva

Angelo Di Costanzo

Q Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Intestazione 21 ottobre 2018 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Angelo Di Costanzo


[p. 127 modifica]

X


Quella cetra gentil, che ’n sulla riva
     Cantò di Mincio Dafni e Melibeo,
     Sì, che non so se in Menalo, o ’n Liceo
     In quella o in altra età simìl s’udiva:

[p. 128 modifica]

5Poichè con voce più canora e viva
     Celebrato ebbe Pale ed Aristao,
     E le grandi opre, che in esilio feo
     Il gran figliuol d’Anchise e della Diva:
Dal suo pastore in una quercia ombrosa
     10Sacrata pende; e, se la move il vento,
     Par che dica superba e disdegnosa:
Non sia chi di toccarmi abbia ardimento;
     Che, se non spero aver man sì famosa,
     Del gran Titirò mio sol mi contento.