Qualche favilla

Giovanni Prati

Olindo Malagodi 1876 Indice:Prati, Giovanni – Poesie varie, Vol. II, 1916 – BEIC 1901920.djvu sonetti Qualche favilla Intestazione 23 luglio 2020 25% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Casa mia Plutarco
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta XIII. Da 'Psiche'
[p. 182 modifica]

XVII

QUALCHE FAVILLA

Se non fosse che ancor mi riman viva
l’angelica farfalla in vecchie membra,
onde talvolta ritornar mi sembra
fancml di novo a la mia verde riva;
e quell’aura d’apr pur fuggitiva,
si mi scalda l’etá che s’indicembra,
che la penna, a ritrar quanto rimembra,
panni quasi fiorir piú che non scriva;
fors’io men canterei, se ciò non fosse
in dispetto a le Grazie; e’l tedio solo
smunto m’avrebbe le midolle a Tosse.
E invece, aprendo a la mia cuna un volo,
mandano ancor le ceneri commosse
qualche favilla: ond’io imi riconsolo.