Plutarco

Giovanni Prati

Olindo Malagodi 1876 Indice:Prati, Giovanni – Poesie varie, Vol. II, 1916 – BEIC 1901920.djvu sonetti Plutarco Intestazione 23 luglio 2020 25% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Qualche favilla Proteo
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta XIII. Da 'Psiche'
[p. 182 modifica]

XVIII

PLUTARCO

Quand’io mi guardo e si piccin mi trovo,
di virtú nudo e di miserie carco,
in man ti prendo, o mio vecchio Plutarco,
e vergogna gentil mi rifa novo.
E foro e campo a me sembra il mio covo,
e strali appunto dell’ingegno a l’arco,
c ardito e prode e dignitoso e parco
da me rinasco, come fior da rovo.
E, fissandomi a’ tuoi, mi sa d’acerbo
non pareggiarli; e l’anima sul calle
della gloria s’avventa, e n’ho terrore:
perocché dal mio sogno alto e superbo
cader mi tocca in disperata valle.
Misero atleta è, senza tempi, il core!