Poichè i miei gravi error pur troppo han desta

Antonio Zampieri

Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Poichè i miei gravi error pur troppo han desta Intestazione 28 dicembre 2019 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Antonio Zampieri


[p. 423 modifica]

XIX


Poichè i miei gravi error pur troppo han desta
     L’ira del Ciel, che mi circonda e preme,
     E Mare e Terra e Cielo armati insieme
     Tutti a miei danni in man la spada han presta:
5Qual chi rotta la nave in gran tempesta
     Sull’ancora ripone ogni sua speme;
     Tal io, gran Madre, in mie sciagure estreme
     Se a te non corro, in chi sperar mi resta?
Se nell’offeso Nume il guardo io giro,
     10Veggiovi il mio gastigo, e sento il tuono,
     Che mormora e minaccia, ond’io sospiro.
Ma se ne gli occhi tuoi, che fonti sono,
     Fonti d’alta pietà, Vergine, io miro,
     Veggio espresso in quegli occhi il mio perdono.