Poi rotti séte a scoglio presso a riva

Pietro dei Faitinelli

Aldo Francesco Massera XIV secolo Indice:AA. VV. – Sonetti burleschi e realistici dei primi due secoli, Vol. I, 1920 – BEIC 1928288.djvu sonetti Poi rotti séte a scoglio presso a riva Intestazione 23 luglio 2020 25% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Se si combatte, il mio cuore si fida Veder mi par giá quel da la Faggiuola
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta XVIII. Ser Pietro de' Faitinelli detto Mugnone
[p. 187 modifica]

IX

Invece la loro stoltezza e i loro errori li portano alla sconfitta.

Poi rotti séte a scoglio presso a riva,
guelfi, per vostro sciocco navigare,
non sbigottite di setta cattiva:
4brigate un altro stuol di ratinare
di quella franca gente, che non schiva
tedesca vista, che vi fa tremare;
ma questo in vostro cor sempre si scriva,
8che non si dé’ nemico disdegnare.
Di che sentite grossa disciplina:
chi non guata com’va, convèn che fugga;
11udite, ch’anco è buona la dottrina.
Signor, volete voi che si distrugga
la traditrice lepore marina?
14Qui fa mestier altre arme, che di fuga.