Poesie (Campanella, 1915)/Poesie postume/VI. Varie/2. In lode di don Francesco di Castiglia

2. In lode di don Francesco di Castiglia

../1. Sovra il monte di Stilo ../3. Sonetto al signor Petrillo IncludiIntestazione 11 luglio 2020 75% Da definire

2. In lode di don Francesco di Castiglia
Poesie postume - 1. Sovra il monte di Stilo Poesie postume - 3. Sonetto al signor Petrillo

[p. 256 modifica]

2

In lode di don Francesco di Castiglia

L’arbor vittorioso di Castiglia,
ch’Italia e Spagna e un nuovo mondo adombra,
nel cui tronco innestato piú grand’ombra
spanda l’austriaca imperial famiglia,
n’ha dato un germe, che tutto assomiglia
al suo lignagio, fuor che non ingombra
paesi e regni, anzi egli da sé sgombra
cure sì grevi e al vero ben s’appiglia.
Don Francesco è costui, che, sconosciuto
su l’Adige e ’l Sebeto, va cantando
or donne sante, or suoi cocenti amori,
or l’Antiochia vinta, in stil piú arguto,
or false corti ed ingrate abiurando.
Chi fiano i frutti suoi? Questi son fiori.