Pagina:Tragedie di Sofocle (Romagnoli) III.djvu/250


NOTE 247


Pag. 179, vv. 1185-86. - Il figlio dell’orrida Echidna è Cerbero, che, secondo Esiodo, è appunto figlio di Echidna e di Tifone.

Pag. 179, v. 1187. - Il drago che custodiva gli aurei pomi del giardino delle Esperidi.

Pag. 182, v. 1243. - Tirinto, antichissima città dell’Argolide.

Pag. 183, v. 1261. - Per i Selli cfr. addietro la nota a p. 126, vv. 189-190

Tragedie di Sofocle (Romagnoli) III-0250.png