Apri il menu principale

Pagina:La Sacra Bibbia (Diodati 1885).djvu/774


o di che berrete; nè per lo vostro corpo, di che vi vestirete; non è la vita più che il nutrimento, e il corpo più che il vestire?

26 

Riguardate agli uccelli del cielo; come non seminano, e non mietono, e non accolgono in granai; e pure il Padre vostro celeste li nudrisce; non siete voi da molto più di loro? 

27  E chi è colui di voi, che, con la sua sollecitudine, possa aggiungere alla sua statura pure un cubito?

28  Ed intorno al vestire, perchè siete con ansietà solleciti? considerate come crescono i gigli della campagna; essi non faticano, e non filano;

29  e pure io vi dico che Salomone stesso, con tutta la sua gloria, non fu vestito al pari dell’un di loro.

30  Or se Iddio riveste in questa maniera l’erba de’ campi, che oggi è, e domani è gettata nel forno, non vestirà egli molto più voi, o uomini di poca fede?

31  Non siate adunque con ansietà solleciti, dicendo: Che mangeremo, o che berremo, o di che saremo vestiti?

32  Poichè i pagani son quelli che procacciano tutte queste cose; perciocchè il Padre vostro celeste sa che voi avete bisogno di tutte queste cose.

33  Anzi, cercate in prima il regno di Dio, e la sua giustizia; e tutte queste cose vi saranno sopraggiunte.

34  Non siate adunque con ansietà solleciti del giorno di domani; perciocchè il giorno di domani sarà sollecito delle cose sue; basta a ciascun giorno il suo male.

7  NON giudicate, acciocchè non siate giudicati.

2  Perciocchè, di qual giudizio voi giudicherete, sarete giudicati; e della misura che voi misurerete, sarà altresì misurato a voi.

3  E che guardi tu il fuscello ch’è nell’occhio del tuo fratello? e non iscorgi la trave ch’è nell’occhio tuo?

4  Ovvero, come dici al tuo fratello: Lascia che io ti tragga dell’occhio il fuscello, ed ecco, la trave è nell’occhio tuo?

5  Ipocrita, trai prima dell’occhio tuo la trave, e poi ci vedrai bene per trarre dell’occhio del tuo fratello il fuscello.

6  Non date ciò che è santo a’ cani, e non gettate le vostre perle dinanzi a’ porci; che talora non le calpestino co’ piedi, e rivoltisi, non vi lacerino.

7  Chiedete, e vi sarà dato; cercate, e troverete; picchiate, e vi sarà aperto.

8  Perciocchè, chiunque chiede riceve, e chi cerca trova, e sarà aperto a chi picchia.

9  Evvi egli alcun uomo fra voi, il quale, se il suo figliuolo gli chiede del pane, gli dia una pietra?

10  Ovvero anche, se gli chiede un pesce, gli porga un serpente?

11  Se dunque voi, che siete malvagi, sapete dar buoni doni a’ vostri figliuoli, quanto maggiormente il Padre vostro, che è ne’ cieli, darà egli cose buone a coloro che lo richiederanno?

12  Tutte le cose adunque, che voi volete che gli uomini vi facciano, fatele altresì voi a loro; perciocchè questa è la legge ed i profeti.

13  Entrate per la porta stretta, perciocchè larga è la porta, e spaziosa la via, che mena alla perdizione; e molti son coloro che entran per essa.

14  Quanto è stretta la porta, ed angusta la via che mena alla vita! e pochi son coloro che la trovano.

15  Ora, guardatevi da’ falsi profeti, i quali vengono a voi in abito di pecore; ma dentro son lupi rapaci.

16  Voi li riconoscerete da’ frutti loro; colgonsi uve dalle spine, o fichi da’ triboli?

17  Così, ogni buon albero fa buoni frutti; ma l’albero malvagio fa frutti cattivi.

18  L’albero buono non può far frutti cattivi, nè l’albero malvagio far frutti buoni.

19  Ogni albero che non fa buon frutto è tagliato, e gettato nel fuoco.

20  Voi adunque li riconoscerete da’ loro frutti.

21  Non chiunque mi dice: Signore, Signore, entrerà nel regno de’ cieli; ma chi fa la volontà del Padre mio, che è ne’ cieli.

22  Molti mi diranno in quel giorno: Signore, Signore, non abbiam noi profetizzato in nome tuo, e in nome tuo cacciati demoni, e fatte, in nome tuo, molte potenti operazioni?

23  Ma io allora protesterò loro: Io non vi conobbi giammai; dipartitevi da me, voi tutti operatori d’iniquità.

24  Perciò, io assomiglio chiunque ode queste mie parole, e le mette ad effetto, ad un uomo avveduto, il quale ha edificata la sua casa sopra la roccia.

25  E quando è caduta la pioggia, e son venuti i torrenti, e i venti hanno soffiato, e si sono avventati a quella casa, ella non è però

1 Re 3. 13. Luc. 6. 37, ecc. Rom. 2. 1. Luc. 11. 9, ecc. Giov. li. 13 ; 15. 7 ; 16. 23, 24-

Giac. 1. 5, 6. 1 Giov. 3. 22; 5. 14, 1.5. <i Prov. 8. 17. Ger. 29. 12, 13. Luc. 6. .31. Gal. 5. 14.

1 Tim. 1. 5. / Luc. 13. 24. « Mat. 24. 4, 5. Fat. 20. 29, 30. 1 Giov. 4. 1. h Luc. 6. Hi, ecc.

« Rom. 2. 13. Luc. 13. 25-27. 2 Tim. 2. 19. Luc. 6..47, ecc.

7m,