Pagina:De Sanctis, Francesco – Giacomo Leopardi, 1961 – BEIC 1800379.djvu/72

66 giacomo leopardi

viltade», — «me di sua pece amara Imbratterà la velenosa etade», — «il mondo ti spirò suo puzzo in viso».

Qui non c’è una situazione, quel tale spirito che in tutto è presente e in nessuna parte si vede; ci è piuttosto un succedersi di concetti astratti in forma ragionativa. E dico astratti, perché non giungono mai ad una vera formazione poetica, e sono come quella donna che muore, di cui sappiamo che l’era bella e schietta e in verde etade, cioè di cui non sappiamo nulla che resti nell’immaginazione.

Imitò Petrarca; volle anche imitare Dante. Purista e imitatore in prosa; purista e imitatore in verso: consonanza di studi e di gusto. Scrisse un così detto poema: Cantica della morte. A Giordani spiacque la scelta di argomenti così lugubri; e vi notò anche qualche menda, pur dicendo che di poesia non s’intendeva. C’era questo verso:

Era morta la lampa in occidente.

A Giordani quel «la la» sonò male; e poi «lampa» gli parve troppo meschina cosa a indicare il sole. E il giovane corresse:

Spento il diurno raggio in occidente.

La cantica fu messa a dormire. Pur nel 1826, stampandosi a Bologna tutte le poesie. Leopardi, che aveva allora ventotto armi, inserì in quella edizione un frammento della cantica, il quale comincia col noto verso:

Spento il diurno raggio in occidente.

Nella stessa edizione pubblicò pure, sotto nome di elegie, il Primo amore, e l’altra che comincia col verso:

Dove son? dove fui? che m’addolora?

Ma nella edizione di Firenze non pose di questa seconda elegia che un breve frammento, con lievi mutamenti, il quale comincia:

Io qui vagando al limitare intorno.