Pagina:Ariosto, Ludovico – Orlando furioso, Vol. III, 1928 – BEIC 1739118.djvu/441


nota 435

troppo spesso misconosciute delle donne. Detto di quelle che furon valorose in arme, soggiunge il Poeta:

               E di fedeli e caste e saggie e forti
          stato ne son, non pur in Grecia e in Roma,
          ma in ogni parte ove fra gl’Indi e gli Orti
          de le Esperide il sol spiega la chioma:
          de le quai sono i pregi agli onor morti,
          sí ch’a pena di mille una si noma;
          e questo, perché avuto hanno ai lor tempi
          gli scrittori bugiardi, invidi et empi (XXVII 6 ).

Ruscelli e Morali correggono e gli onor, per non aver capito che il verso significa «i pregi delle quali sono morti agli onori», cioè, non hanno il lor debito riconoscimento; il Panizzi lascia come sta, e fa benissimo.

Un costrutto molto naturale per chi ha qualche famigliaritá coi nostri vecchi scrittori:

               Orlando un suo mandò sul legno, e trarne
          fece pane e buon vin, cacio e persutti;
          e l’uom di Dio, ch’ogni sapor di starne
          pose in oblio, poi ch’avvezzossi a’ frutti,
          per caritá mangiar fecero carne,
          e ber del vino, e far quel che fêr tutti (XLIII 196),

è riuscito ostico ai moderni (Morali, Panizzi), che han corretto: «all’uom di Dio». Nota che la lez. è identica in tutte e tre le edd.

Se in questi e in altri luoghi è evidente la ragione del conciero, ve n’ha pure di quelli che non si spiegano. Ne cito uno solo. Dopo la disfida di Lampedusa, i guerrieri vincitori vanno ad un vicino scoglio, allo scoglio dell’eremita, ove sentono da lui alti conforti ed esortazioni a passar mondi per questa morta gora

          c’ha nome vita, che si piace a’ sciocchi,
          et alla via del ciel sempre aver gli occhi (XLIII, 195).

Cosí in ABC, e cosí nell’ediz. Ruscelli. Invece Morali e Panizzi: «alle vie del ciel». Perché?

Sciolte le abbreviature, staccate le parole, liberato il testo dagli errori, che sono numerosissimi, se anche solo s’è accennato ai pochi sui quali è lecito qualche dubbio, conviene che si discorra dell’ortografia seguita nella presente edizione.