Pagina:Ariosto, Ludovico – Orlando furioso, Vol. III, 1928 – BEIC 1739118.djvu/426

420 nota

togr.: par). Ma, parimente in versi rinnovati, pari alla... XL 54, 4, né mancano correzioni significative:

pare alle sue lode AB pari C XIV 49, 6

par al disio AB pari C XVII 118, 6;


e poiché la prima lezione, oltre a ripetere B, non è sostenuta che da due pessimi testi, ritengo sia da rifiutare.

20, 1:

Non vide né piú bel né piú giocondo AB
Non vide né piú bel né l piú giocondo C' (c f)
Non vide né l piú bel né l piú giocondo C (a b d e g h i l m).

La lez. di C (c f) ci rappresenta una correzione incompiuta, e probabilmente per trascuratezza del compositore. Cfr. Malagoli, in Giorn. stor. XLVI (1905), 119. 22, 2:

tepida ABC (e f) tiepida C (a b d e g h i l m).

Se nelle prime edd. il Poeta preferiva la forma non dittongata, e qualche esempio passa in C, come tepida I 48, 2 (Tipo 1° e 2° ), di norma nell’ultima corregge:

tepido AB tiepido C XXX 58, 2, e cfr. XXXVI 40, 1, XII 72, 2.

22, 8:

luochi campestri AB lochi C (c f) luoghi C (f i b d e g h i l m).

L’Ariosto nella prima ediz. usava volentieri luoco, per lo piú corretto loco in B, Nella terza si alternano meglio, secondo la convenienza dei suoni, loco e luogo: quest’ultima è certo la lezione definitiva.

45, 6:

rivera BC (c f) riviera AC (a b d e g h i l m).


In A di norma rivera, espressione che si continua ed esagera in B, ove appunto qualche riviera di A è corretto rivera (cfr. XXVII 20, 3). Ma C non ha piú rivera che in qualche raro verso ereditato