Or udite, signor, s'i' ho ragione

Cecco Angiolieri

Aldo Francesco Massera XIII secolo Indice:Prati, Giovanni – Poesie varie, Vol. II, 1916 – BEIC 1901920.djvu sonetti Or udite, signor, s'i' ho ragione Intestazione 23 luglio 2020 25% Da definire

Se l'omo avesse 'n sé conoscimento Un danaio, non che far cottardita
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti (Cecco Angiolieri)
[p. 102 modifica]

LXXVIII

Infatti, il poeta fa esperienza di quest’amara veritá.

Or udite, signor, s’i’ ho ragione
ben di dovermi impiccar per la gola:
poi che la povertá mi tèn a scola,
4madonna m’ha piú a vile, ch’un muscione;
ché l’ho sincerata a molte stagione,
e quando accompagnata e quando sola:
e, s’eo li dico pur una parola,
8mi fa vergogna piú, ch’a un ladrone.
E tutto mel fa far la povertate!
Quand’avea denar, non solea venire,
11poi ch’avea en borsa la gran degnitate:
ciò è ’l fioriti, che fammi risbaldire,
ed a mia donna mi tòl la viltatc,
14quando non dice che mi vói servire.