Onde mi dèe venir giuochi e sollazzi

Pietro dei Faitinelli

Aldo Francesco Massera XIII secolo Indice:AA. VV. – Sonetti burleschi e realistici dei primi due secoli, Vol. I, 1920 – BEIC 1928288.djvu sonetti Onde mi dèe venir giuochi e sollazzi Intestazione 23 luglio 2020 25% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Si mi castrò, per ch'io non sia castrone S'io veggio in Lucca bella mio ritorno
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta XVIII. Ser Pietro de’ Faitinelli
[p. 190 modifica]

XIV

Soffre nel trovarsi esule da Lucca caduta in soggezione dei pisani

Onde mi dèe venir giuochi e sollazzi?
onde mi dèe venir molti con risa?
onde, se non tormenti d’ogni guisa?
4onde mi dèe venir, se non ch’io impazzi?
Avròe mai novelle, che mi agazzi?
No, secondo che ’l mio cuore s’avvisa:
che veggio Lucca mia castcl di Pisa,
8e’ signor fatti servi de’ ragazzi.
Veggiola ontata, nuda ed abitata,
non da lo suo antico abitatore,
11ma da color, che l’hanno si guidata.
E non mi par veder fronde né fiore
di far cosí per fretta la tornata:
14ond’io porto asto grande a chi ci muore.