Occhi miei, che lo sguardo alzar solete

Giovanni Antonio Volpi

Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Occhi miei, che lo sguardo alzar solete Intestazione 1 dicembre 2019 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Gio. Antonio Volpi


[p. 412 modifica]

III1


Occhi miei, che lo sguardo alzar solete
     Lassù del Cielo alle bellezze eterne,
     E del fiacco vigor, che mal discerne,
     Spesso dolenti e lagrimosi siete;
5S’è scarso refrigerio a tanta sete
     Mirar di fuori le magion superne;
     Nè si concede a voi di più vederne,
     Per la nebbia mortal, che intorno avete:
Non però men felice è vostra sorte,
     10Nè dee basso desìo volgervi a terra
     Per vagheggiar le region di Morte
Se consiglio, divin vi lascia in guerra,
     Dolce è vegliare alle beate, porte,
     E lo Sposo aspettar, che le disserra.


Note

  1. In nome di Maria Beatrice Ferri Gentildonna Padovana, quando fece la sua religiosa professione.