Apri il menu principale

O de' fuggiti miei dolci contenti

Tiberio Carafa

O Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura O de' fuggiti miei dolci contenti Intestazione 16 settembre 2017 100% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Tiberio Caraffa


[p. 91 modifica]

II


O de’ fuggiti miei dolci contenti,
     A cui tristo il pensier fa ognor ritorno,

[p. 92 modifica]

     O del soave altero lume adorno,
     Avanzi amari, empie reliquie ardenti;
5Voi larve, voi de’ miei piacer già spenti
     Ombre, e del ben, che mi fea chiaro il giorno;
     Or di flagelli armate entro e d’intorno
     Siete ministre, ohimè! de’ miei tormenti.
Lasso! che son? che fui? Dal terzo Cielo
     10Fra le grazie e i diletti e i dolci amori,
     Come nel foco alfin caddi, e nel gelo!
Dell’inferno d’Amore i cupi orrori
     Han di stige il rigor: ma (quel, che anelo)
     Non han di Lete i disperati umori.