Apri il menu principale

Nuovi poemetti/La fiorita/Il pittiere

../../La fiorita

../Il solitario IncludiIntestazione 8 settembre 2012 100% Da definire

La fiorita La fiorita - Il solitario
[p. 5 modifica]

IL PITTIERE


i


Oh! tutti i giorni e tante volte al giorno
s’erano visti! L’uno era in orecchi
3sempre che udisse spittinire intorno.

E s’ei tornava a casa con due stecchi
o due vincigli, l’altro lo seguiva
6da ramo a ramo. Erano amici vecchi.

Ma oggi, tutto maraviglia viva
nel petto rosso, l’uno alzava a scatti
9la coda al dosso di color d’uliva.

Parea dicesse: — O dunque fa di fatti!? —
Ora alïava in terra tra lo sfagno,
12ora volava in cima a gli albigatti.

Con gli occhi tondi aperti sul compagno
molleggiava sul cesto e su l’ontano.
15L’altro sedeva al calcio d’un castagno,

con una vetta e un coltelluccio in mano...

[p. 6 modifica]


ii


Pareva savio, un altro! Il suo coltello
fece alla vetta torno torno un segno
19uguale, netto, e un piccolo tassello.

Ed egli poi con arte e con ingegno
torse la buccia tra i due pugni, e trasse
22fuor della buccia umido e bianco il legno.

Tagliò del legno quanto gli tappasse
quel cannoncello, ma non tutto e troppo.
25Scese il pittiere su le stipe basse.

Provò se il fiato non avesse intoppo,
soffiando un poco, e si drizzò contento.
28Frullò il pittiere sur un alto pioppo.

Poi, nella selva, coi capelli al vento,
lungo il ruscello, il fanciulletto Dore
31col flauto verde annunzïò l’avvento

dei fiori brevi e dell’eterno amore.


iii


O primo fiore! o bianca primavera!
Hai gli orli rossi, come li ha l’aurora,
35e il sole biondo è nella tua raggiera!

[p. 7 modifica]


Dore sonava. All’uccellino allora
sovvenne il nido. Alzò, partendo, il canto
38che là negli alti monti ove dimora,

canta alle solitudini soltanto.