Giovanni Prati

Olindo Malagodi 1876 Indice:Prati, Giovanni – Poesie varie, Vol. II, 1916 – BEIC 1901920.djvu sonetti Neve Intestazione 23 luglio 2020 25% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Popoli e re Al falegname
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta XIII. Da 'Psiche'
[p. 232 modifica]

CXIV

NEVE

Altri le mani tremule riscalda
ai ginepri odorosi; altri corona
il bicchier di vernaccia, e fa più balda,
novellando, la voce e la persona.
T riguardo da’ vetri a falda a falda
cascar la neve: né l’Olimpo tuona;
né stride il vento; né, dell’Orco aralda,
la corva errante il negro di mi suona.
Piú che Pesto fiorita, a mezzo il verno,
m’è soave mirar questo, che asconde
d’Iside i baci, sconsolato velo.
Sotto questo gran vel passa Teterno
spirito della vita: e i fiori e Tonde
saran domani un vasto inno del cielo.