Giovanni Prati

Olindo Malagodi 1876 Indice:Prati, Giovanni – Poesie varie, Vol. II, 1916 – BEIC 1901920.djvu sonetti Naiade Intestazione 23 luglio 2020 25% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Humor A mio padre
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta XIII. Da 'Psiche'
[p. 217 modifica]

LXXXIII

NAIADE

Non gemma oriental fregia il tuo volto,
ninfa, che nulla senti e nulla vedi,
marmorea ninfa, che ad albergo hai tolto
quete brune muscose eremi sedi.
Di roseo lume è il tuo bel corpo avvolto;
carezzati da fresca onda i tuoi piedi;
te chiaman l'aure; e da stupor son còlto,
se giá le chiome ai zeffiri non cedi.
Te venturosa, perché sei di sasso,
né udir t’incontra né parlar d’amore,
scelerato ludibrio in questa riva!
Anch’io, beata, d’ascoltar son lasso
ciò che turba la mente e affanna il core.
E piacenti dir questo a te non viva.