Apri il menu principale

Mira l'eroe che tutto in se raccolto

Giovan Girolamo II Acquaviva d'Aragona

1833 M Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Intestazione 23 giugno 2017 75% Sonetti

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Gio. Girolamo Acquaviva

[p. 46 modifica]

I1


Mira l’eroe che tutto in se raccolto
     Cuopre col petto l’assalite porte,
     E l’acerba ferita ond’egli è colto,
     Men gagliardo fa il braccio e il cor più forte.

[p. 47 modifica]

5Mira qual vario lume abbia nel volto
     Onde atterri i nemici, e i Suoi conforti:
     E quinci e quindi lo vedrai rivolto,
     Ove è più di periglio, e più di morte.
Morte barbara morte alzarsi il crudo
     10Tuo braccio io vedo, e lui sparger di gelo,
     E v’oppone virtù ma in van lo scudo.
Nè lui già piango nò che vive in Cielo,
     Ma il secol nostro, e il basso mondo ignudo
     Di senno, di valori, di santo zelo.

Note

  1. In morte del Maggior Riviera seguita in un fatto di arme.