Apri il menu principale

Ma qual orrendo risonar bisbiglio

Giovanni Bartolomeo Casaregi

M Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Ma qual orrendo risonar bisbiglio Intestazione 25 settembre 2017 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri


[p. 97 modifica]

VII1


Ma qual orrendo risonar bisbiglio
     Odo d’intorno a quest’alpestre roccia?
     Ov’è l’invitta mazza; Ecco s’approccia
     L’insidioso di Laerte figlio.
5Non mai ghermì con dispietato artiglio
     Rapace nibbio la tremante chioccia,
     Com’io già l’empio afferro ed arronciglio,
     Insin ch’io veggia di suo sangue goccia
Al fiero pasto dei compagni aggiunto
     10Sarai beni tosto, maledetta volpe,
     S’avvien, che sii da queste man raggiunto
Vuo, che il mio dente ti smidolli e spolpe,
     Col resto dello stuolo a te congiunto,
     Vendicatore di tue sozze colpe.

  1. Polifemo ad Ulisse. V. Omero Odis. lib. 9.