Lettere (Campanella)/LXII. A Galileo

LXII. A Galileo

../LXI. Ad Urbano VIII ../LXIII. A Pietro Gassendi IncludiIntestazione 1 marzo 2021 75% Da definire

LXI. Ad Urbano VIII LXIII. A Pietro Gassendi
[p. 235 modifica]

LXII

A Galileo

Si duole di nuovo ch’egli solo scarsamente riceva i favori di lui.

Signor Galileo veramente illustre, ch’illustri il secolo non volgarmente, mi doglio ch’io solo scarsamente ricevo i vostri favori. Quanto aspettai, quanto desiai, quanto insinuai a Vostra Signoria fin da principio che trattasse questo suo sistema in dialogo e che mi facesse parte delle sue osservazioni, ed ancora non sono arrivato dopo ch’in Roma le han tenute in mano persone di minor affetto, non voglio dir, e giudicio. Ed ora sono stampate, ed io lo sapevo da filosofi francesi che me l’hanno scritto; e Vostra Signoria non si degna avvisarmi né mandarmi [p. 236 modifica]un essemplare. Parlai con l’eccellentissimo ambasciator Nicolini, e dice che ne verrá uno a lui, e promette etc.: non vedo etc. Io sono quel che piú stimo le sue cose e che le giudico con giudicio piú puro d’ogni passione. Contentisi che sia contento, e si ricordi ch’il mio scritto solo è stampato in sua difesa e non quei d’altri etc.

Resto al suo comando con ringraziar Dio che sia vivo Vostra Signoria ed io, e che nelle turbolenze del secolo ci è qualche chiaro per noi. A Dio, anima carissima.

 Roma, 1 maggio 1632.

Fra Tomaso Campanella
servitore divotissimo.


Mi piaceria ch’avesse stampato l’epistola prima che li mandai di questa materia.

All’eccellentissimo signor Galileo Galilei,
     filosofo e matematico dell’Altezza di Toscana,
 Fiorenza.