Le rime di M. Francesco Petrarca/Sonetto XXIX

Sonetto XXVIII Canzone VIII

[p. 31 modifica]

SONETTO XXIX.


S’Io credesse per morte essere scarco
     Del pensier’ amoroso che m’atterra;
     Colle mie mani avrei già posto in terra
     4Queste membra noiose, e quello incarco:
Ma perch’io temo, che sarebbe un varco
     Di pianto in pianto, e d’una in altra guerra;
     Di qua dal passo ancor che mi si serra,
     8Mezzo rimango lasso, e mezzo il varco.
Tempo ben fora omai d’avere spinto
     L’ultimo stral la dispietata corda
     11Ne l’altrui sangue già bagnato, e tinto:
Ed io ne prego Amore, e quella sorda
     Che mi lassò de’ suoi color’ dipinto;
     14E di chiamarmi a sè non le ricorda.