Le rime di M. Francesco Petrarca/Sonetto LVIII

Sonetto LVII Sonetto LIX

[p. 68 modifica]

SONETTO LVIII.


QUando giunse a Simon l’alto concetto
     Ch’a mio nome gli pose in man lo stile;
     S’avesse dato a l’opera gentile
     4Con la figura voce, ed intelletto;
Di sospir’ molti mi sgombrava il petto:
     Che ciò ch’altri han più caro, a me fan vile:
     Però che ’n vista ella si mostra umìle,
     8Promettendomi pace ne l’aspetto.
Ma poi ch’i’ vengo a ragionar con lei;
     Benignamente assai par che m’ascolte;
     11Se risponder savesse a’ detti miei.
Pigmalion, quanto lodar ti dei
     Dell’immagine tua, se mille volte
     14N’avesti quel ch’i’ sol una vorrei.<