Le rime di M. Francesco Petrarca/Sonetto CXXXIII

Sonetto CXXXII Sonetto CXXXIV

[p. 132 modifica]

SONETTO CXXXIII.


S’io fossi stato fermo alla spelunca
     Là dov'Apollo diventò profeta;
     Fiorenza avria fors'oggi il suo Poeta,
     4Non pur Verona, e Mantoa, e Arunca:
Ma perchè ’l mio terren più non s’ingiunca
     Dell’umor di quel sasso; altro pianeta
     Conven ch’i’ segua, e del mio campo mieta
     8Lappole, e stecchi con la falce adunca.
L’oliva è secca; e è rivolta altrove
     L’acqua che di Parnaso si deriva:
     11Per cui in alcun tempo ella fioriva.
Così sventura, ovver colpa mi priva
     D’ogni buon frutto, se l’eterno Giove
     14Della sua grazia sopra me non piove.